Perché ASSOFORT?

Perché siamo convinti che il futuro è di chi rispetta le regole: riteniamo che i principali operatori del nostro settore sono – in questo momento storico - chiamati dal mercato a qualificarsi eticamente, ad associarsi, cioè, in un “club di virtuosi” per difendersi da tutti quei concorrenti che fanno largo uso dell’illecito e facile acquisto di servizi a prezzi scontati, in quanto frutto di illegalità o abusi. 

E’ infatti non più procrastinabile il momento in cui le aziende virtuose si mostrino unite e costruiscano un fondamentale argine comune, contro la concorrenza sleale di tutte quelle imprese che, per mere ragioni di profitto, sono disponibili a violare la legge e l’etica, acquistando servizi da fornitori che violano nei più svariati modi la morale e le regole. 

Noi non siamo delatori, non è il nostro modus operandi, però intendiamo “qualificarci”, vogliamo cioè siglare un “Patto Etico” fra noi e fra noi ed i nostri fornitori e clienti, Patto che renderà la nostra Associazione una grande unione di tutti quei soggetti che vedono nell’etica una opportunità di sviluppo e di ammodernamento, una vera e propria “necessità” per operare efficacemente nel b2b nel nuovo scenario competitivo nazionale ed internazionale

La nostra associazione si propone perciò come obiettivo statutario quello di adottare - e rendere vincolante per tutti gli associati - un Patto Etico fondato sui più alti standard e di  promuovere e rendere vincolante per tutti gli associati l’adozione di sistemi di relazione con i propri fornitori, partners e distributori,improntati a vincolare detti fornitori, partners e distributori al rispetto dei più elevati standard etici nazionali ed internazionali. 

Il mercato è per noi un valore, e l’unica forma di “esclusività” che ammettiamo è quella dell’etica, vogliamo perciò essere promotori di una rivoluzione etica e costruire un club di virtuosi che sarà di successo solo nella misura in cui esso attrarrà a sé – ed al Patto Etico – il maggior numero di operatori esistenti del nostro settore.

Vogliamo dare idonea visibilità al nostro Patto Etico, affinché ogni operatore, pubblico o privato, che entri in contatto con uno degli associati, saprà prima facie di avere a che fare con un soggetto eticamente selezionato, e competitivo per ragioni di merito e non di facili sottorifugi.

L’associazione ha anche l’obiettivo di porsi come naturale interlocutore della costituenda Autorità dei Trasporti, la quale a decorrere dal 2012 vigilerà sulla concorrenza nel settore trasporti e si occuperà di presiedere e promuovere le disposizioni volte a realizzare una compiuta liberalizzazione nel nostro settore.